Maggio 2021, ancora una aggressione sionista al Popolo derubato della Palestina.

Andare in basso

Maggio 2021, ancora una aggressione sionista al Popolo derubato della Palestina. Empty Maggio 2021, ancora una aggressione sionista al Popolo derubato della Palestina.

Messaggio  Admin Gio 13 Mag 2021, 19:51

Maggio 2021, ancora una aggressione sionista al Popolo derubato della Palestina. Libera67

Ebrei! Questo popolo di traditori e assassini da un secolo perseguita il popolo Palestinese, aiutato in questo da governi falsamente democratici.

Anche in questo 2021 hanno trovato il modo per aggredire il martirizzare il popolo Palestinese
Ai giorni nostri cosa ci potevamo aspettare dagli ebrei, un popolo che come si può leggere nelle Sacre Scritture ha un animo Traditore, i loro trascorsi sono intrisi di Fake News termine anglo-americano che, per i più è incompressibile, addita il mentitore.

Questo il trascorso degli ebrei, i quali divennero ancora più falsi 1880, quando costituirono l’internazionale sionista, organizzazione che ha venduto l’ignari ebrei prima al governo dei Soviet e successivamente al governo inglese con l’obbiettivo, iniziale, di agevolare l’occupazione di un tozzo di terra, da strappare al Popolo Palestinese.

Purtroppo le Fake News asservite al sionismo sono sempre più prassi.
Tutte le fonti di informazione sono al servizio dei criminali sionisti i quali non c’è giorno che non massacrano in un modo o in un altro il Popolo di Palestina. Polizia e esercito israeliti ogni giorno mettono in atto repressioni di massa, per fare questo ogni pretesto è buono. Come ad esempio impedire con la forza l’accesso alla Spianata delle Moschee.

Questa repressione e accresciuta in questo mese di maggio 2021, in particolare a Gerusalemme, dove i criminali sionisti da un lato impediscono il diritto alla preghiera dei palestinesi e da altro pretendono di sottrarre le case dei Palestinesi per favorire nuovi insediamenti dei colonizzatori ebrei.

Dei Martiri Palestinesi assassinati o feriti nel nostro tempo non si deve parlare, anzi si deve evidenziare il laccio di razzi costruiti artigianalmente, nel territorio di Gaza (unico strumento di difesa) con capacità di lancio limitatissima, mentre è obbligatorio ricordare giorno dopo giorno la presunta persecuzione, (avvenuta nei lontani anni 40, durante la seconda guerra mondiale), di sei milioni di ebrei! Pretendendo che i popoli liberi si configgano che le donne ebree sono capaci di figliare come delle scrofe.

Eppure la repressione della polizia sionista, sulla Spianata delle Moschee ha fatto decine di ferriti, cosi come l’aviazione sionista con i bombardamenti aerei su Gaza ha falciando decine di palestinesi.
Ricordiamo a questo proposito che già il 7 maggio scorso importanti fonti di informazione italiane nei loro titoli riportavano il numero dei feriti Palestinesi causati dalla violenza dei criminali israeliti.
- La Repubblica, feriti Palestinesi 220
- Avvenire, feriti Palestinesi 180
- La Stampa, feriti Palestinesi 170
- Rainews, feriti Palestinesi 205

Chi dice il vero?

I Palestinesi dispongono delle pietre trovate in loco, mentre il potere sionista per reprimerli ha a disposizione gas lacrimogeni, granate assordanti e proiettili di gomma oltre a innumerevoli mezzi corazzati.

Contro le tantissime False Notizie riportiamo la posizione turca espressa dal ministro degli Esteri turco Mevlut Cavusoglu: «La violenza di Israele contro persone innocenti nella moschea di Al-Aqsa non finisce. Coloro che non denunciano queste atrocità, non dovrebbero parlare del processo di pace in Medio Oriente. Noi continueremo a essere la voce dei nostri fratelli e sorelle palestinesi e a difendere i loro diritti!». La Turchia fa appello affinché venga posta fine all’azione israeliana: «Israele deve smettere di attaccare i palestinesi a Gerusalemme e impedire agli occupanti e ai coloni di entrare nella Mosche santa» di Al-Aqsa. Il dito è puntato verso Israele, «unica responsabile di tutte le violenze. Il mondo deve agire per porre fine a questa interminabile aggressione israeliana contro civili disarmati nella propria terra».

Sabato 8 maggio, era stato direttamente il capo dello stato Recep Tayyip Erdogan a denunciare il comportamento di Israele come quello di un «crudele stato terrorista».

Anche la Giordania ha condannato Israele.
Il ministero degli Esteri ha convocato l'incaricato d'affari israeliano ad Amman per protestare e condannare le recenti operazioni delle forze israeliane sulla Spianata, nonché gli episodi di violenza commessi contro i Palestinesi nel sobborgo Sheikh Jarrah di Gerusalemme Est.
Stando a una nota del ministero degli Esteri, nel corso dell'incontro il segretario generale Youssef al-Batayneh ha dichiarato che le azioni israeliane contro i fedeli della Moschea di Al-Aqsa rappresentano «una violazione del diritto internazionale, dello status quo storico e giuridico e devono cessare immediatamente».

Mentre l’Europa chiede a tutti di mantenere e rispettare lo status quo dei luoghi sacri, e in Italia i partiti di governo e di opposizione manifestano affianco ai criminali ebrei, noi Fascisti, come sempre, stiamo con chi combatte contro l’Oro, per questo riportiamo quanto hanno affermato, il portavoce di Hamas Sami Abu Zuluri: « è un vero massacro e un crimine di guerra» commesso da Israele, «chiediamo a tutta la nostra nazione di scendere in piazza e scontrarsi con l'occupante». «Israele pagherà per la sua presa con la forza di al-Aqsa» e l’esponente dell'Autorità nazionale palestinese (Anp) Hussein al-Sheikh,il quale parla di «una aggressione criminale» aggiungendo «L'Anp sta valutando tutte le possibilità per rispondere a questa aggressione criminale contro i luoghi santi e i residenti».
Admin
Admin
Admin

Numero di messaggi : 990
Data d'iscrizione : 23.09.08

https://liberapresenza.forumattivo.com

Torna in alto Andare in basso

Torna in alto


 
Permessi in questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum.